Come diventare Social Media Manager e lavorare da casa

La figura del Social Media Manager

I canali social media sono usati quotidianamente da milioni di persone al mondo ogni giorno. Ormai sono piattaforme che fanno parte della nostra nuova quotidianità, come uno strumento della quale non possiamo fare a meno. Basta pensare all’evoluzione tecnologica del telefono cellulare a smartphone per comprendere il cambiamento nelle abitudini di tutti.

Come diventare social media manager

Non solo professionisti, ma anche bambini e anziani ora ricorrono all’uso di questi mezzi per poter comunicare con amici. Se come me sei all’estero, è bello avere un profilo Facebook per poter condividere foto della famiglia con parenti che vivono lontano da te.

Con la nascita di nuovi mezzi di comunicazione, nascono anche nuove figure professionali che servono a migliorare il sistema e a creare un nuovo mondo digitale che prima non esisteva.

Questa mini guida è nata con l’intenzione di introdurvi la figura del Social Media Manager (o chiamato anche Community Manager) poiché è uno dei ruoli principali ricercati da ogni azienda.

Oggigiorno qualsiasi business, da bar, dentisti, architetti, avvocati sono presenti sui social media. Tutti hanno bisogno di un aiuto nel pianificare e creare dei contenuti per diversificarsi dalla competizione. La creazione di una immagine positiva e consistente è fondamentale per poter avere una presenza sul mercato, specialmente poiché si tratta di una vetrina gratuita.

Ma come si diventa social media manager? E’ veramente possibile lavorare da casa e avere un lavoro flessibile?

Come diventare social media manager

Cos’è un Social Media Manager (SMM)?

Il Social Media Manager è la persona che si occupa dello sviluppo delle strategie di comunicazione e marketing di un brand, di un prodotto, di un’azienda sui diversi canali social come Facebook, Twitter, Youtube, Pinterest, Instagram, ecc.

Cosa fa esattamente?

La persona può ricoprire diversi ruoli oppure specializzarsi in un ambito. Per esempio può gestire e moderare la community (Social Media Management), analizzare le performance e le conversazioni che si sviluppano intorno al brand (Social Media Analysis/ Brand Reputation Monitoring), progettare, creare e ottimizzare le campagne a pagamento (Social Media Advertising), progettare piani editoriali coerenti e business-oriented (Social Media Content Curation).

Diciamo per riassumere che il principale compito del Social Media Manager è creare una community di contatti profilati alla quale rivolgersi attraverso la pubblicazione di contenuti per essa rilevanti e coerenti con la mission e la strategia comunicativa dell’azienda.

Il Social Media Manager di successo deve conoscere bene il settore di riferimento per contribuire a trovare nuove opportunità per l’azienda in cui opera. Deve saper ricercare le notizie interessanti per un business specifico e capire cosa la gente dice e pensa riguardo a queste notizie. Deve saper intercettare le nuove tendenze, gli hashtag del momento e le nuove notizie, per poterle sfruttare nei suoi post. Nel caso in cui nascano accese discussioni fra i suoi follower deve agire da mediatore, mitigandole con diplomazia.

Il Social Media Manager spesso ricopre anche funzioni di Digital PR, arrivando ad essere un’estensione di tale team. Entra in relazione con giornalisti ed influencer per produrre maggiori risultati nella copertura dell’argomento.

Come diventare social media manager

Il SMM più competente agisce come manager del marketing funnel, perché cerca di favorire la vendita dei prodotti o servizi dell’azienda per cui lavora. Pertanto cerca di ampliare il reach dei suoi post, portare traffico al sito aziendale, generare leads (contatti interassati al prodotto o servizio offerto, che compilano il contact form, si iscrivono alla newsletter, e in qualche modo entrano in contatto con l’azienda, etc.) e soprattutto si impegna per nutrire questi leads conducendoli fino alla loro conversione in clienti.

Come lavora: step by step

  • Ascolto del brief / definizione degli obiettivi della campagna.
  • Analisi del target, degli strumenti, ipotesi di pianificazioni pubblicitarie, confronto con i creativi.
  • Definizione di un piano di comunicazione formato da: target, strumenti, messaggio, budget allocate.
  • Lavoro in team con chi lavorerà al progetto (grafici, programmatori, specialisti).
  • Allineamento con il cliente ed il team di lavoro durante tutto il progetto.
  • Reporting finale.

Come diventare social media manager

Per creare una buona strategia di comunicazione il Social Media Strategist deve porsi alcune domande:

  • Come mi rivolgo ai miei utenti?
  • Come diffondo le informazioni?
  • Come mi faccio apprezzare dal mio target?

Una volta raccolte le informazioni, il SMM:

  • Esegue un’analisi dei contenuti da diffondere e pianifica un progetto di comunicazione specifico per l’area social.
  • Definisce quali canali e quali strumenti siano più adatti a veicolare il messaggio del brand.
  • Sceglie quali leve di marketing utilizzare nella pianificazione di una campagna di social advertising, infine, se e quando creare dei contest o delle iniziative per la user generation.
  • Elabora una strategia specifica, sia che si tratti di un’iniziativa “stand alone” che si esaurisce nel giro di un paio di mesi, sia che venga richiesta una consulenza per progetti su base annuale.

Come diventare social media manager

Quali sono le sue competenze?

  • Organizzazione
  • Passione
  • Precisione
  • Capacità di scrittura ed interpretazione
  • Capacità di analisi
  • Pro-attività
  • Empatia
  • Diplomazia
  • Costanza e tenacia

Come iniziare?

Innanzitutto bisogna essere appassionati al mondo digitale, bisogna leggere, provare ad aprire account sui social e buttarsi provando tecniche. Una volta diventata un utente, ti renderai conto di quali sono le dinamiche e sarai in grado di spiegarle ai tuoi clienti.

Quando hai aperto il proprio profilo sui social preferiti, bisogna poi creare un personal branding e far si che la propria immagine sia appropriata al target e soprattutto sia professionale e consistente su tutti i canali. Molte blogger danno questo per scontato e purtroppo tendono a non avere molto successo.

Come diventare social media manager

Per diventare un’ottima SMM bisogna ricordarsi che ogni social media è diverso: ha toni, modalità di utilizzo e linguaggi differenti l’uno dall’altro. Questo è molto importante perché è come parlare con due persone di diverse nazioni nella stessa lingua.

Poiché il mondo digitale è in costante cambiamento, bisogna seguire dei corsi di aggiornamento costantemente.

Un altro suggerimento valido che voglio darvi è quello di fare tanto networking perché tutti hanno bisogno di avere una presenza nel mondo online e hanno quindi bisogno di una consulente nel settore social media. Inoltre è sempre interessante conoscere persone nuove ad eventi, fiere di settore; è importante trovare collaboratori e, chi lo sa, potrebbero avere bisogno di voi!

 

Leave a Reply