Il parto con taglio cesareo in Inghilterra

In questo post ho deciso di raccontare la mia esperienza di parto col taglio cesareo qui in UK.

Per chi di voi non lo sapesse ho partorito ad Aprile 2017 a Northwick Park Hospital (Harrow).

La mia esperienza è stata traumatizzante, ma nonostante ciò vi racconto perché lo faccio di nuovo.

 

No pethidine, grazie.

Partiamo dall’inizio. In un soleggiato pomeriggio di lunedì (dopo un membrane sweep quattro giorni prima) mi si sono rotte le acque.

Erano due giorni che avevo contrazioni forti ma non regolari, quindi l’ospedale mi faceva stare a casa ad aspettare l’avvento.

Essendo la prima volta che diventavo mamma non sapevo che cosa aspettarmi. Di una cosa ne ero certa: non volevo un’epidurale. Infatti mi ero ben preparata al dolore durante gli ultimi mesi con l’hypnobirthing. Potete leggere la mia esperienza qui.

Tornando a quel lunedì, corro all’ospedale (5 minuti da casa) sperando che la situazione si smuovesse (visto che i dolori erano decisamente più forti, ma ancora non regolari). Ma mi lasciano in sala d’aspetto per quasi 3 ore (avete presente le cascate del Niagara intanto?). Una volta visitata (ero dilatata di soli 2cm) decidono di tenermi d’occhio nella delivery room offrendomi del paracetamolo (?!?!) che ho rifiutato dato che sapevo benissimo che i dolori erano troppo forti.

Dopo diverse ore, verso le 11 di sera mi trasferiscono in reparto maternità e mandano a casa mia marito nonostante la mia richiesta di averlo a fianco.

Inutile dire che non ho chiuso occhio tutta notte. Ho camminato nel corridoio, respiravo, ascoltavo le mie tracce di hypnobirthing. Ormai erano 3 giorni di travaglio, insomma le mie forze cominciavano a cedere. Nonostante le infermiere mi offrissero pethidine (morfina) come fosse caramelle, io mi sono sempre rifiutata (il dolore immenso era nella schiena e non avrebbe fatto alcun effetto).

Mamma Digitale Cesareo

Evviva l’epidurale!

La mattina successiva cedo al dolore. Grazie al cielo mio marito era appena arrivato e finalmente mi danno gas & air.

Bellissimo. Ero nel mio mondo. Ma qualcosa non andava.

Dopo circa 5 ore mi “risveglio” in sala parto. Molto rintontita, mi gira la testa, tutto e’ un po’ confuso. Non sento dolore, ma la pancia e’ sempre li. Mio marito aveva firmato per farmi fare l’epidurale. Aveva capito che non ce la facevo piu’.

Purtroppo dopo altre 20 ore di epidurale (in cui mio marito mi dava di nascosto delle caramelle per tenermi su visto che ormai non mangiavo da giorni), i dottori finalmente capiscono che la situazione si era dilungata troppo (non mi dilatavo). Ricorrono quindi al taglio cesareo d’emergenzae in 5 minuti mia figlia era nata.

I miei pro e contro del taglio cesareo

Pro

  • in 5 minuti il neonato e’ fuori e tu puoi finalmente gioire nel vedere che sta bene;
  • grazie all’epidurale e all’anestesia locale non ho sentito nulla (nemmeno il “lavaggio dei piatti” come ti dicono in sala operatoria);
  • il neonato esce bello, senza essere schiacciato;
  • tutti sono molto gentili e carini in sala operatoria, c’e’ anche la musica.

Contro

  • quando l’anestesia sparisce, il dolore e’ abbastanza forte quindi si hanno bisogno di parecchi antidolorifici;
  • non si possono alzare pesi per parecchie settimane;
  • il taglio puo’ fare infezione (mi e’ successo dopo una settimana);
  • bisogna farsi delle iniezioni per evitare problemi di trombosi (per circa 5 giorni).
mamma digitale taglio cesareo

Perche’ ho deciso di rifarlo

Nonostante tutto questa volta ho deciso di cambiare ospedale (andro’ al Royal Free Hospital di Hampstead) perche’ offrono il parto cesareo programmato.

Appena ho letto la loro pagina internet ho capito che sarebbe stata la scelta migliore per me:

  1. Dopo 6 ore dal parto, se si vuole, ci si puo’ alzare dal letto (lo avevo richiesto anche a Northwick Park, ma lo avevano rifiutato).
  2. Sono seguita da un’ostetrica solo per tutta la gravidanza (musica per le mie orecchie).
  3. Danno la priorita’ alle visite del neonato (al contrario della mia esperienza passata).
  4. Danno da mangiare entro due ore dal parto (ancora ricordo la fame che avevo!).

La mia due date e’ meta’ giugno (giusto per il mio compleanno). Vi terro’ aggiornate su come andra’.

Translate
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: